Home > Politics/Politica, Uncategorized > Giuristi del passato e pirati del futuro

Giuristi del passato e pirati del futuro

Il ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione ha lanciato l’iniziativa “Codice Azuni” per raccogliere pareri e idee da utilizzare come base per un progetto di “governance” della rete.

Il sito del progetto è on line dai primi di agosto ed è raggiungibile qui

A quanto sembra, gli internauti hanno trenta giorni per partecipare al dibattito.
Ai primi di settembre, infatti, i contributi verranno chiusi, il materiale raccolto verrà analizzato e sintetizzato in maniera da individuare gli indirizzi “condivisi” per costruire una “piattaforma” per definire la “governance” della rete.

Un progetto ambizioso e potenzialmente intelligente.
E’ infatti la prima volta, in Italia, che un’istituzione utilizza la rete per attivare un’azione politica “bottom-up”

Quello che lascia perplesso sono i modi e i tempi.

Innanzitutto: l’utilizzo come riferimento principale dell’iniziativa un oscuro giurista sardo di fine settecento, Azuni, il cui merito fu quello di riformare il codice maritimo su ordine di Napoleone Bonaparte, raccogliendo e coordinando tutto il corpus normativo disponibile e stratificato nelle singole legislazioni portuali e marittime d’Europa

Poi: l’apertura dell’arena di discussione su un sito dedicato creato ad hoc, la cui visibilità e raggiungibilità non è certo ottimale

Poi: la struttura stessa del sito privo di forum e basato su una ML cui gli internauti interessati anche solo a leggere l’archivio dei messaggi debbono iscriversi per accedere

Poi: la fumosità del progetto, in cui le uniche certezze (al momento) sono i tempi di apertura del dibattito, mentre nulla è detto circa il modo in cui le proposte possono essere avanzate e discusse, chi e come e a chi le presenterà, quale destino avranno,quale funzione abbia poi il tavolo super tecnico di super consulenti super titolati nominati ad hoc dal ministero (con quali soldi, poi, e per fare cosa non è dato sapere) e che cosa accadrà in termini pratici quando le “linee-guida per la governance di internet” saranno definite

Sui tempi: fa piacere costatare che un progetto di apertura alla partecipazione della cittadinanza tutta sia stato lanciato ai primi di agosto con una finestra di trenta giorni – praticamente, il tempo strettamente necessario per assestarsi su google per cui , non appena il sito si sarebbe ben posizionato nelle ricerche, verrà chiuso.

Ultima (ma non ultima) la somma contraddizione del progetto: l’Italia è un paese con livelli di alfabetizzazione informatica e internautica assai bassi, per cui l’effettiva portata ed estensione di questi 30 giorni estivi di discussione sarà, di fatto , limitata a una piccola percentuale di una piccola percentuale di una piccola percentuale della popolazione.

Per concludere: mentre in Italia si prende a modello il regime bonapartista per cercare di “regolamentare” internet, in Svezia il Partito dei Pirati va avanti a testa bassa per l’attivazione di server totalmente anonimi per garantire la libera circolazione e diffusione di materiale su internet e il governo Islandese vara leggi anti censura per il web.

Non è l’Europa ad essere a due velocità, è l’Italia che è ancora ancorata al XVIII secolo

Good night and good luck

Annunci
  1. d
    agosto 7, 2010 alle 6:32 am

    “Poi: la struttura stessa del sito privo di forum e basato su una ML cui gli internauti interessati anche solo a leggere l’archivio dei messaggi debbono iscriversi per accedere”

    a parte che bastava controllare meglio: http://mail.azunicode.it/pipermail/rfc/ .
    e poi una mailing list non è così un brutto mezzo.
    Poi si, son d’accordo che non è una scelta molto ponderata quella di fare una cosa simile ad agosto, ma tant’è, non servirà lo stesso a un caspio.

    saluti.

  2. agosto 8, 2010 alle 3:25 am

    è l’Italia che è ancora ancorata al XVIII secolo

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: